1° Campionato Italiano

E-mail Stampa PDF

Bologna, 6 febbraio 2000

Risultati Formazioni           Commenti La pagella di Jack Dall'estero

podio

 

Risultati

1° turno

Gruppo A Assetto Variabile 1 GSBologna 8 - 0
Gruppo B A.V. BO Sub Bologna 5 - 2
Gruppo C Nettuno BO Catania 3 8 - 0
Gruppo A Calypso AN Victoria C. CT 8 - 0
Gruppo C River Borgaro Roma

2 - 0

2° turno

Gruppo A Victoria C. CT Assetto Variabile 1 0 - 9
Gruppo B Muri A. CT Sub Bologna 3 - 2
Gruppo C Roma Nettuno BO 0 - 8
Gruppo A GSBologna Calypso AN 2 - 2
Gruppo C Catania 3 River Borgaro 6 - 0

3° Turno

Gruppo A Assetto Variabile 1 Calypso AN 8 -0
Gruppo C Nettuno BO River Borgaro 7 - 0
Gruppo A Victoria C. CT GSBologna 0 - 7
Gruppo B A.V. BO Muri A. CT 3 - 0
Gruppo C Roma Catania 3 0 - 4

 

Spareggio Play offs Sub Bologna Victoria C. CT 5 - 0


Classifica gironi all'italiana

Girone A Girone B Girone C
  1. Assetto Variabile 1
  2. GSBologna
  3. Victoria College
  4. Calypso Ancona
  1. Assetto Variabile 2
  2. Muri Antichi
  3. Sub Bologna

 

  1. Sub Nettuno
  2. Sub Roma
  3. Catania 3
  4. River

 

Play Offs

quarti Roma Assetto Variabile 1 0 - 8
quarti Catania 3 Muri A. CT 0 - 1 dts
quarti Sub Bologna A.V. BO 0 - 3
quarti GSB Nettuno BO 0 - 4
s/finale escluse Victoria C. CT Calypso AN 0 - 5
s/finale Muri A. CT Assetto Variabile 1 0 - 6
s/finale Nettuno BO A.V. BO 5 - 0
finale escluse Calypso AN River Borgaro 8 - 0
finale 3-4 A.V. BO Muri A. CT 5 - 1
finalissima Assetto Variabile 1 Nettuno BO 4 - 0

Classifica finale

  1. Assetto Variabile Bologna (Assetto Variabile 1) :   Campione d'Italia 2000
  2. Sub Nettuno Bologna
  3. Uisp 2 Bologna
  4. Muri Antichi Catania
  5. Catania 3
  6. Roma
  7. GSBologna
  8. Sub Bologna
  9. River Borgaro (TO)
  10. Victoria College Catania
  11. Calypso Ancona

 

 

Commenti


>UN GRANDE RISULTATO
>Bologna e' nella piccola storia dell'hockey sub. Non importera' molto al
>mondo che da' una prevalenza di interesse agli spettacoli urlati e "che
>fanno audience", ma importa molto a chi per due anni ha dato il suo
>contributo alla crescita e diffusione di questo sport marginale.
>Siamo stati noi a iniziare a giocarlo, ad andare in giro per l'Italia e per
>il mondo per imparare e mostrare. E alla fine siamo stai noi a organizzare
>(grazie ad un instancabile Donato) il primo campionato italiano. Ed e'
stato
>un campionato vero: 11 squadre dalla Sicilia al Piemonte, giocatori
>entusiasti come eravamo e siamo ancora noi, gente che ha voglia di
>continuare, di crescere ancora. Un grande risultato. Il piu' bello ed
>importante da quando abbiamo iniziato l'avventuara, il piu' gratificante
>perche' ieri in piscina tra giocatori e pubblico c'erano non meno di 150
>persone (piu' di 100 i giocatori registrati).
>
>IL PUNTO TECNICO
>Il livello e' stato ottimo. C'era molta soddisfazione in gran parte delle
>squadre, o per la partecipazione ed esperienza, o per un derby vinto o per
>un posto in piu' in classifica. Da citare:
>
>GSB: sono tornati e ne sono contento. Donato se lo merita, con tutto il
>lavoro che fa. Guidati da Simon e Garfunkel e con Cangini "testina d'oro"
al centro dell'attacco hanno creato non pochi problemi a squadre piu'
titolate.
>Se continuassero cosi', col bacino d'utenza che ha questa societa' e col
>bagaglio di conoscenze di Donato potrebbero fare bene.
>
>MURI ANTICHI Catania: la sorpresa del torneo. Grinta, determinazione, forza fisica,
>apnea e, soprattutto un entusiasmo da bambini con tanta voglia di imparare.
>Una delle squadre piu' ostiche con cui ho giocato, diversi elementi
>interessanti e un posto nelle final four che equivale ad una vittoria. Li
>rivedremo presto ad alto livello.
>
>UISP 2
>C'erano tutti: in 13. Dai primi giocatori del 97 ai giovanissimo Alessandro
>alle ragazze (grande prodezza dell'Elena che ha FINALIZZATO il gioco
>segnando contro gli erculei giocatori dei Muri Antichi il gol piu'
>significativo del torneo). Grinta, intelligenza e ottimo controllo del
ritmo
>del gioco ha consentito ai simpatici quanto sfiatati giocatori di ottenere
>un terzo posto, contro giocatori piu' giovani, atleticamente preparati e
>allenati, ma dotati di minore confidenza col disco e conoscenza del gioco.
>Su tutti 3: Max, roccia in difesa e intelligente nel guidare il gioco in
>attacco; Cillo il migliore "all around" in circolazione ha sputato sangue
>sulla linea di porta avversaria come sulla propria giocando praticamente da
>fermo (e' sfiatato come una spugna strizzata), ma risultando spesso
>imprevedibile per gli avversari; Elena un gol segnato a giocatori di 90 kg
>dovrebbe diventare il testimonial dell'hockey.
>
>NETTUNO
>Straordinari. Hanno dominato tutte le partite costringendo anche UISP 1
alla prima vera partita. Capacita' di concentrazione fino in fondo, di non
cedere mai. Finiscono il torneo come sempre dico piacerebbe finirli a me, con la
>convinzione di avere dato il 110%, di non avere nulla da rimproverarsi, da
>cui nasce la consapevolezza che presto arrivera' anche l'ultimo risultato.
E qui grandissimo merito va dato a Mirco, l'uomo che temevo di piu' in questo
>torneo, perche' esperto di competizioni e capace di trasmettere una carica
>ed una convinzione nuova ai suoi ragazzi. Capace di tirarsi indietro nelle
>cariche e di sottrarsi alla luce dei riflettori (che sono piccoli, i
nostri, ma li abbiamo, eccome se li abbiamo), ma di lavorare sull'animo del gruppo
>trasformandolo in una squadra vera. Bravissimo Mirco.
>Poi Jack, ovunque in campo e capace di imprimere direttive tecniche alla
>squadra che sempre piu' acquisisce una sua personalita'.  Tutti gli altri
mi sono piaciuti per voglia di vincere, per provarci sempre, per
determinazione ad aiutare i propri compagni e a portare il proprio mattoncino alla
>costruzione finale. Qualcosa deve essere fatto ancora sulla prevedibilita'
>del gioco (troppo spinto verso il centro) e sul livello tecnico di ogni
>singolo giocatore. Comunque abbiamo due squadre di pari livello.
>
>Assetto Variabile 1
>Sulla carta era la squadra che doveva dominare, e questa e' una condizione
>pessima per iniziare un torneo in cui hai solo qualcosa da perdere. Coach
>Pelcio aveva dato l'obiettivo di non subire neppure un gol in tutto il
>torneo, impresa non facile in un campo cosi' ristretto dove un semplice
>rimpallo lascia un avversario a 4-5 metri dalla porta. La squadra c'e'
>riuscita con un ritmo di grande intensita' mantenuto per tutto il torneo.
>Personalmente non amo "asfaltare" avversari tecnicamente piu' giovani ed
>inesperti (mi capita troppo spesso all'estero per apprezzarlo), ma
condivido col coach il pensiero che era importante dare uno standard cui le altre
>squadre, soprattutto quelle di altre citta', potessero mirare. Era cioe'
>necessario, secondo coach Pelcio, mostrare che cosa puo' essere l'hockey a
>chi lo vedeva per la prima volta. Mi pare che anche questo obiettivo sia
>stato raggiunto, con molte persone davanti alla TV o a chiedere
informazioni e, comunque contente di giocare contro le squadre piu' dotate tecnicamente.

>Coach Pelcio, promosso a pieni voti come allenatore con tutti gi obiettivi
>raggiunti, ha messo anche una grande grinta in campo come e piu' del
solito.
>Superlativo nel lavoro di copertura in difesa e continuo nel portare avanti
>il disco e fornirlo verso il centro. Non do voti (compito ormai di Jack) ,
>ma molto bene.
>
>Giacomone: e se avessimo un giocatore in piu'? Se impara a giocare e ad
>avere costanza penso che sia possibile (non ti esaltare Giacomone, non ti
>faccio piu' complimenti, solo bastone e una mezza carota a maggio...
forse). Comunque ha segnato a ripetizione "finalizzando" (come direbbe l'Elena)
gran parte delle azioni dei compagni. Non copre abbastanza in difesa e nella
>rissa preferisce controllare dall'alto per.. avere una visione milgiore,
ma comincia a sfruttare il suo potenziale, che rimango convinto, e' altissimo.
>
>Michele: la sorpresa positiva. Pur giocando al rallenti e' difficile che
>perda il disco (forse perche' gli avversari tendono ad appisolarsi);
ascolta i consigli e li mette in pratica in continuazione, crescendo di efficacia
in ogni partita. A Hobart sara' l'uomo che mi manchera' maggiormente. Inoltre
>ha tantissimo fiato, molto piu' di quanto sappia: passare lungo la fascia destra ieri e'
>stato impossibile.
>
>Ric: per fortuna che e' il giocatore piu' intelligente della Lega e riesce
>sempre ad anticipare la posizione da prendere (e che il Nettuno si e'
>ostinato ad attaccare sul lato di Marco e Michele tutto l'incontro),
>altrimenti l'uomo piu' abbronzato della Lega avrebbe pagato la settimana di
>bagordi sugli sci. Tuttavia e' sempre stato dove doveva essere, ha coperto
>Giacomone quando era da fare, ha spinto pure in avanti sui ribaltamenti.
>Cosa chiedere di piu' a Yoghi... un cestino della merenda?
>
>Moreno: Super cap ha giocato con una gamba sola, ad esclusione della finale
>(per fortuna) in cui ha sfoderato le mitiche F1. Quando mette le pinne
verdi al centro non lo ferma nessuno. Buona l'idea del Sub Nettuno di chiudere
>molto su di lui, ma il Cap e' un "faino" e invece di intestardirsi a
segnare gol impossibili si e' tirato adosso tutta la difesa per poi aprire
>rapidamente e lasciare alla squadra di sfruttare gli  ampi spazi creati. Su
>e giu' peggio di uno yo-yo impazzito l'ho visto dovunque in campo
>meritandosi il titolo di Arnie della Bassa.
>
>Colonnello: sono sempre stato duro nei giudizi su di me come giocatore non
>per inutile modestia, ma perche' in altre occasioni non sono stato
>all'altezza del compito (vds. Europei). Per una volta il giudizio tecnico
>sulla partita di ieri e' positivo. Al termine della finale ho detto che non
>avevo mai giocato cosi', e rivedendo il video lo confermo: 4 gol della
>squadra su 4 assist seguenti ad azioni di rapido spostamento di campo;
>nessun rischio reale per la porta: non e' passato uno
>spillo, sempre presente in appoggio a Moreno e dei difensori laterali e
>pronto a scegliere se cambiare lato o spingere centralmente. Immodesto, ma
>per una volta lasciatemelo essere.
>

>FUTURO
>Il 6 febbraio puo' essere definito come il giorno 1 per l'hockey sub in
>Italia. Mentre prima esistevano alcuni fanatici bolognesi, da ieri abbiamo
>una realta' diffusa su tutto il territorio. Non bisogna perdere l'attimo e
>lavorare er organizzare ulteriori incontri, tornei, campionati nei vari
>centri. Gli scambi di allenatori, arbitri e giocatori tra le varie citta'
>saranno utilissimi per far crescere il livello tecnico, mentre i tornei
>manterranno alto l'interesse e la carica per il nostro sport.
>Insomma ce l'abbiamo fatta!!!!!!

 

La pagella,

dall'inviato Jack le Gaulloise

Comincerò con il Sub Nettuno, secondo ma il numero uno quanto a
>controcazzi, che ha dato durante tutto il torneo prova di essere una grande
>squadra ed un grande gruppo di "bravi ragazzi"(coem direbbe il Padrino). La
>squadra ha offerto a tutti gli avversari lo stesso trattamento, che
>avessero cominciato da 1 mese a giocare o da 3 anni, senza mai
>sottovalutare nessuno, impegnandosi sempre al 100%. Purtroppo per loro, la
>UISP 1 è per ora più allenata (ed ha come la Juve gli arbitri diciamo
>"simpatizzanti"), e dopo un tempo delle finale, non c'è più stata partita.
>VOTO:9.5
>
>MIRCO GROSSI: Grande cuore per "il Grinta", grande fisico e la
>consapevolezza dei propri mezzi fanno di lui un sicuro prospetto per il
>futuro dell'hockey. Ah, dimenticavo, peccato abbia 49 anni... allora un
>sicuro prospetto per l'immediato futuro (max 4 mesi). No, scherzi a parte,
>nessuno goal preso fino alla finale è stato anche per merito suo. VOTO:9
>DANILO FACCHINI: Impegni di lavoro e famiglia (troppo guzzo) lo hanno
>portato via dalla Nazionale quando ancora avrebbe potuto dare molto. Ma ha
>dimostrato che quando vuole c'è, e si vede. Anche lui un muro in difesa.
>VOTO:8.5
>IL DUCA BIANCO: Gianluca (il VC) ha dominato per tutto il torneo la sua
>fascia (sinistra), ribattezzata "fascia del duca". Nella finale ha dato
>tutto, lanciandosi prepotentemente anche in attacco, ma non è bastato.
>VOTO:8.5
>JACK: Come Capitano ha ha saputo tenere bene in mano la squadra, senza
>troppi sfoghi e urlacci, dando un ottima impostazione in campo, che faranno
>di lui il futuro allenatore anche della nazionale (scusa Colonnello, ma
>oramai visto che ti imboschi con Moreno nella nebbia, devo sfogare le mie
>frustrazioni):VOTO:8. Come full-back, ha fatto il suo dovere nelle partite
>giocate solo nella area avversaria, offrendo al nutrito pubblico anche gol
>e assist in mezzo, oltre alla verginità della propria porta fino quasi alla
>fine. Ha difeso il più possibile nel primo tempo della finale. Ma ha subire
>2 goal da Giacomone, non è propriamente cosa di cui vantarsi con le
>ragazze. VOTO:8.5
>MICHELE BOTTAZZO: Alcatraz ha dato prova della sua doppia personalità solo
>nell'azzannamento di un ragazzo del GSB nei quarti di finale, costatagli
>l'espulsione ed un simpatico siparietto con l'imparziale Ti. Per il resto,
>finchè il fiato e le gambe lo sorreggono, rimane un'ala di sicuro talento,
>cupidigia e malvagità luciferina. VOTO:8
>NADIA GRILLINI: Ora come ora è la più forte giocatrice femminile; contro
>bestioni di 90 kg non si è mai tirata indietro, e forse è per questo che il
>suo cervello è ridotto in tali condizioni (scherzo...forse). Da sempre
>tutto. Se si allenasse di più darebbe molto ancora. VOTO:8.5
>MORENO BASSI: Sampei, nonostante si alleni pressochè mai ultimanete, ha
>caricato il suo braccio da 1 milione di dollari e sparato parecchie mazzate
>a chi si trovava davanti, oltre a parecchi bei goal. VOTO:8
>ANTONIO DEL GATTO: Il Giustiziere è stato una delle più liete sorprese
>della squadra. Fisico massiccio e grande umiltà, ha sempre dato tutto ciò
>che aveva in acqua. Fuori dall'acqua invece poteva darmi 50mila lire ma non
>lo ha fatto. VOTO:8.5
>Il PITBULL DI BAZZANO: Il canino Cristaino (non nel senso di dente di dio,
>ma di essere brutto e peloso che gioca centro) ha sopportato tutto
>l'attaccco, e si è sacrificato per essere il punto di riferimento delle sue
>ali. E' purtroppo arrivato secondo anche nella gare del più peloso
>d'Italia, vinto dallo "zerbino" dei Muri Antichi (il preistorico centrale
>di 140kg). VOTO:9


UISP 1 (Assetto Variabile)

>E ora dovrei scrivere roba tipo "onore ai campioni", "meritata vittoria" e
>altre cose simili per descrivere l'Assetto Variabile.  Vabbèh dai, non c'è che dire, hanno giocato
>con la pressione del dover vincere a tutti i costi sulle spalle ed hanno
>vinto sempre e contro tutti. Magari con un calendartio un po' più
>difficile, forse non sarebbero arrivati alla finale riposati e freschi, ma
>non voglio fare il polemico.
>Ora i miei imparziali  giudizi:
>
>POPEYE (Marco Alessandrini): Il grande Pelcio ha plasmato la squadra ad immagine e somiglianza
>di uno schiacciasasi, a dispetto un po' del gioco. Terribile e bellissimo
>duello nella finale contro Jack (come capita oramai da parecchio tempo).
>Comunque, la miglior ala ora in circolazione in Italia. VOTO:9
>MITCH (Michele Battaglioli): Lo voto MVP del torneo, per la sua classe, bravura, simpatia, e per
>il fatto che mi presenterà quel gran pezzo di figliola della sua ex. Se
>volesse, sarebbe un grandissimo terzino, io giocherei Fullback in nazionale
>e il Colonnello sarebbe il portaborracce (finalmente). Comunque al pari dei
>nazionali in tutto e per tutto. VOTO:9.5
>Il COLONNELLO (Leone): Per la prima volta nei panni solo di giocatore, è stato
>protagonista di una perfetta finale, rovinata solo dal fatto di averla
>vinta. Comunque non è facile segnare contro chi sai sarà l'allenatore della
>nazionale e unico selezionatore che farà la convocazioni il girono
>dopo..... VOTO:9
>RIC (Riccardo Masetti)): Tornato in gran forma dalla montagna, nonostante un fisico forse un
>po' troppo mastodontico, frutto della polenta, capriolo, funghi ed
>ettolitri di zabov bevuti di nascosto, non ha sbagliato praticamente niente
>in difesa, e si è limitato al minimo indispensabile per vincere lo
>scudetto. VOTO:9
>Il CAP (Moreno Sanguin): Il cap ha dato porova di essere di essere il numero uno. Assit,
>goal, sempre sotto, forse un po' troppo falloso duratne la finale, ma aveva
>paura dell'ennesima umiliazione contro Jack...VOTO:9.5
>GIACOMONE (Lazy Jack Cesari): Sta crescendo, il fatto di aver tocciato il biscottino il primo
>dell'anno lo ha fatto diventare più saggio e meno giandone. Ogni tanto si
>scorda di poter giocare bene, e torna ad essere il Cherry-Picker della
>penisola. Ma forse sotto quella cotica non proprio atletica sta venendo
>fuori un qualcosa di nuovo. Dio che cosa mostruosa. VOTO:9



Congratulazioni dall'estero

_________________________

>Congratulations are in order for the Italian UW Hockey organization! job
well
>done - will we see a team or two in Australia?
>
>Carol Rose  CMAS UWH Secretary
-------------------------------------------------

Congradulations Leone,
>On the first Nationals, here is to many more.
>My warmest wishes for the future success of UWH in Italy.  Hope to see at
>the worlds in Hobart.
>
>David  Lambert
>Australian Men Coach

_________________________

>Leone
>I think this is excellent. In South Africa we have been playing for so long
>and our Interclubs is now so big (55 teams!) that we forget the excitement
>of having your first major local tournament. Congratulations and keep it
up.
>Hope to see your teams at Worlds sometime in the future.
>
>Regards
>Erika Wessels
>President S.A Underwater Sport Committee
_________________________________________

Keep up the good work Leone

All the best,

Alex Colet
Coach Philippines
______________________________

Congratulations Leone,

I know it's a lot of work to build your competition but it is worth it in
the end.
Make sure you keep the intrest going.

Colin Hepher
Coach Australian women and manager 2000 Hobart Worlds
_______________________________________________

Well done on the Nationals!  I'm happy that you already have 11 teams
competing!  Wow!  What's your secret?

Brigit Grimm, US national Women captain

________________________________
>Hi there,
>
>It is always a pleasant thing to see uwh growing in
>the world. Maybe we will see more and more hockey
>sprouting everywhere.... It is a good thing for our
>sport.
>
>As I can see, Bologna is the uwh capital in Italy....
>just like Montréal is uwh capital in Canada  ;o)
>
>I hope to play with or against you one day. I plan to
>go to europe some day and since I have a friend in
>Milano, I'll just go south a bit to play in
>Bologna....
>
>Anyways, hope to meet you one day!
>
>
>=====
>Jean-Francois Roy
>CAJFK Hockey sous-marin
>CAJFK Underwater hockey
>Montreal
______________________________

Congratulations Leone!

Lionel Dumeaux: Coach nazionale francese

__________________________________

I would like to thank
you for all help in Bologna.
I did like very much competition and it is great to see so many teams.

Bozana Ostojic, Coach nazionale Jugoslava
______________________________

You guys are doing really well in your tournaments & we love to hear about
your success & are very happy for you. I wish we were there to see it.
Congratulation on 1) Having a great Nationals - you have more teams than
Australia. Secondly, congratulations on your win. We were very happy to
hear that you kicked arse (even if it was Jacks arse being kicked!!) You
are a credit to underwater hockey with your dedication & enthusiasm & your
work & effort is paying off. It must be so satisfying for you to see it all
coming together so well.

Allison Hass & Jason Lord,  giocatori nazionale australiana
______________________________

Can I add my thanks for a really well-run competition!

I was impressed by the organisation, the standard of play and the standard
of referreeing.

Italian hockey has really begun on a great note!

Electra Kalaugher, primo coach nazionale italiana di Hockey
__________________________________

>GRANDE  GRANDISSIMI  TUTTI   QUANTI  !!!!
>
>E' andato tutto nel miglior modo possibile(anche perche' abbiamo vinto NOI
>!!!)
>
>Grande affluenza di pubblico,mai visto(il 50% era della bassa!!!)
>
>Grande organizzazione e un livello di gioco molto alto,sicuramente non
>nelle mie aspettative.
>
>Complimenti a chi si e' adoperato per fare risultare bella e divertente
>questa manifestazione;
>L'impegno di Donato nella parte amministrativa e di Morena in quella
>culinaria(i tuoi panini erano veramente ottimi,soprattutto quelli al
>salame,vero Ric??).E pure la grandissima mano da parte di Paolo e
>Doriana(anche se mi ricorda sempre di pagare Pianoro!);
>
>L'impegno nell'organizzazione arbitrale da parte di Trotter;
>
>L'ottimo lavoro di Max,grazie al quale per la prima volta sia pubblico che
>giocatori sono riusciti a seguire per lo schermo tutte le partite del
>campionato senza che nulla si inceppasse;
>
>E  un GRANDE,GRANDISSIMO grazie a colui penso dobbiamo il vero e piu'
>grande merito di nascita e sviluppo di tale sport in Italia,per il tempo
>dedicato, per l'amore e la passione verso l'hockey sub.Sei mitico Leo.
>
> Un calorosissimo applauso ai miei amici ed ex compagni del Sub Nettuno i
>quali hanno giocato in modo veramente esemplare tutte le partite di questi
>campionati dandoci veramente tanto filo da torcere in finale.Voglio
>elogiare fra questi l'agguerritissimo Mirco che con la sua grande carica
>agonistica (ci saresti stato di grandissimo aiuto in Tasmania)riesce sempre
>a cogliere il massimo dai suoi ragazzi( e io che mi lamentavo per il suo
>gioco falloso tanto che in finale ci ha lasciato la sua calottina!);e  il
>mio grande amico (in Nazionale) nonche' acerrimo nemico nella sfida di
>miglior lecchino del colonnello,Jack che con le sue galliche cognizioni
>agonistiche a portato la sua squadra alla finale.
>
>Bravi tutti e doverose congratulazioni ai componenti della prima squadra di
>club CAMPIONE D'ITALIA
>
>                                         A S S E T T O    V A R I A B I L E    U I S P
>
>Moreno Sanguin  Capitano Nazionale Italiana e Assetto Variabile

Comments

Please login to post comments or replies.
 

Community

Mail Group A.V.
Riservata ai componenti 
dell'Assetto Variabile 

YouTube 
Tutti i video di Leone

Area utenti