Niente bombole. Il disco non galleggia. E l’arbitro non è un palombaro. Di fronte a questo sport i dubbi si accavallano. Ma per praticare l’hockey subacqueo basta avere fiato e acquaticità di base

Il campo da gioco è una classica piscina. E i giocatori, divisi in squadre da sei, indossano pinne, guanto protettivo, maschera con tubo per la respirazione e calottina tipo pallanuoto.

Con una mazza di legno fanno scivolare un disco ricoperto di gomma di poco più di un chilo sul fondo della piscina nel tentativo di centrare la porta avversaria. Ogni squadra utilizza quattro riserve a bordo vasca che possono sostituire i compagni in acqua anche a gioco in movimento. Non ci sono portieri: tutti possono difendere la propria area in relazione a chi ha il possesso del disco. E’ vietato colpire l’avversario, trattenerlo o spingerlo. I tempi dell’hockey sono molto veloci e il successo di una partita dipende soprattutto dal lavoro di squadra, perché nessun giocatore può tenere il respiro per sempre.

uwh for dummies web

Scarica qui il manuale completo dell'Hockey Subacqueo a cura di Leone Tarozzi con la collaborazione di Nicola Licata

 

 

 

 

 

 

 

Ci sono voluti 2 anni per trovare qualcuno contro cui misurarsi: la Sfida, l'essenza dello sport. Una partita tra club subacquei ha fatto scattare la scintilla dell'agonismo. Trovare compagni di squadra, programmi di allenamento, maestri che insegnassero le tecniche e reperire i materiali di gioco. Poi è solo divertimento... e allenamento.

 

Campo, attrezzature e regole. Cosa serve per iniziare a giocare e come si svolge una  partita.

 

Ho scoperto l'hockey sub partecipando ad un incontro con alcuni giocatori della nazionale francese organizzato per le società subacquee bolognesi nel 1995. Fu amore a prima vista per il legame tra sport acquatici (in particolare l'apnea) e il gioco di squadra (io vecchio giocatore-allenatore-tifoso di basket). Solo dopo è venuto fuori che nel mondo lo giocavano già dagli anni cinquanta.

Joomla templates by a4joomla